Giorgio Campanini

  A lungo Professore di Storia delle dottrine politiche nell'Università di Parma, ritorna con questo volume ai giovanili studi di Filosofia del Diritto (disciplina in cui nel 1961 conseguì a pieni voti, presso l’Università di Roma, il diploma di perfezionamento), in qualche modo intrecciandoli con la vicenda complessiva del pensiero politico, al quale a pieno titolo appartiene un pensatore come Capograssi, certo non ignaro del nesso strettissimo che intercorre fra il diritto e la politica, nella linea già indicata dal suo maestro ideale, Antonio Rosmini, per il quale il diritto è persona e, nello stesso tempo, la persona è il diritto. Nasce di qui il peculiare “personalismo” capograssiano.

Novità