€26.00 -15%
Quantità
€22.10Aggiungi al carrello Sfoglia online

Da schiavo a missionario

«La civilizzazione e la cristianizzazione dell’Africa: ecco il grande problema di oggi. In qualità di figlio del deserto, ora missionario, ho giudicato mio stretto dovere di patriottismo esprimere pubblicamente il mio parere per allontanare le stravaganti opinioni che [gli europei] hanno della razza nera, proponendo il modo più giusto di studiare la questione».
Comincia così uno degli scritti finora inediti di Daniele Sorur Pharim Den. Primo prete d’origine sud-sudanese, la sua è la voce critica di un africano del diciannovesimo secolo che arriva a delineare una visione originale di chiesa nera e di riscatto per il proprio continente. Ma chi era Sorur, e perché è così importante riscoprirne la figura ed il pensiero?
Nato intorno al 1860 in un villaggio dinka dell’attuale Sud-Sudan, anche Pharim figlio di Den, come la più nota Bakhita (1869-1947), è ancora solo un bambino quando cade vittima delle tratte transahariane di schiavi e gli viene attribuito il nome di Sorur da un mercante di lingua araba. A circa tredici anni è liberato dal missionario Daniele Comboni, che lo battezza
con il suo stesso nome e lo porta con sé in Italia, al Collegio Urbano di Propaganda Fide. Nel 1887, dopo aver terminato gli studi presso i gesuiti di Beirut, è ordinato sacerdote al Cairo. Fino alla morte per tubercolosi all’alba del 1900, si dividerà tra l’attività di insegnante in Africa e i lunghi viaggi di animazione missionaria e antischiavista in Europa. Con la sua vita
ed i suoi scritti, alcuni dei quali giudicati all’epoca troppo audaci per venir pubblicati, Sorur ci offre oggi un prezioso punto di vista non eurocentrico sulla storia globale di fine Ottocento, accompagnandoci in un viaggio ricco di spunti di riflessione anche per ripensare il nostro tempo.
 

Eventi e News

> torna su

Commenti

> torna su
Login o registrati per inviare commenti
0

Giacomo Ghedini

> torna su
Giacomo Ghedini è dottorando del corso in «Storie, Culture e Politiche del Globale» dell’Università di Bologna, in cotutela con l’Université de Paris. È laureato in Storia a Padova e in Scienze Storiche a Bologna e Paris 7 Diderot. I suoi ambiti di ricerca comprendono la global history, la storia della schiavitù e la storia della Chiesa, con particolare focus sulle missioni in Africa e l’abolizionismo cattolico nel diciannovesimo secolo.

Caratteristiche

Anno: 2019
Numero pagine: 352
ISBN: 9788838248399
Questo articolo è disponibile