€12.50 -15%
Quantità
€10.62Aggiungi al carrello

La grande magia.

  F.U.I.S. (Federazione Unitaria Italiana Scrittori)   Nel silenzioso “passaggio in ombra” sulla nostra terra, Giuseppe Occhiato (Mileto, 1934 - Firenze, 2010) ha regalato ai suoi contemporanei tre testi di notevole spessore: la cronaca romanzata Carasace (1989), il romanzo L’ultima erranza (2007), e soprattutto Oga Magoga (2000), romanzo immenso (3 voll., pp. 1385), vera “opera mondo” di straordinaria pregnanza. Scrittore sublime, vero fratello d’anima di quel D’Arrigo che guarda allo Stretto – alle sue ombre, ai suoi mostri, ai suoi dialetti – idealmente seduto sul versante siciliano: eppure del tutto sconosciuto al grande pubblico e quasi alla critica intera. Questo volume, che raccoglie i saggi di alcuni studiosi “ab initio” convinti di avere scoperto nei suoi testi i segni inconfondibili della grandezza, si propone – con il suo discorso a più voci, con i suoi approfondimenti ermeneutici pluridirezionali – come momento iniziale in cui la cultura italiana comincia a fare i conti con il calabrese Giuseppe Occhiato.

Eventi e News

> torna su

Recensioni

Commenti

> torna su
Login o registrati per inviare commenti
0

Emilio Giordano

> torna su
  (1949) ha insegnato Metodologia e storia della critica letteraria (Università di Salerno). Fra l’altro, ha pubblicato volumi su Leopardi, D’Arrigo e – più recentemente – su Occhiato, cui ha dedicato una monografia (2010).

Caratteristiche

Anno: 2014
Numero pagine: 288
ISBN: 978-88-382-4309-7
Questo articolo è disponibile

Novità