€12.00 -15%
Quantità
€10.20Aggiungi al carrello

L'ultima eresia

  Fondazione Tovini di Brescia   Esiste la possibilità di dialogo tra scienza e religione? Oppure non c’è alcuna vicinanza tra il “ragionar di Dio” e “il ragionar sulla natura”? Il dibattito culturale attuale è spesso polarizzato tra chi considera completamente antitetici l’approccio scientifico alla realtà e quello religioso (in particolare quello delle religioni storiche come il cristianesimo), e chi tenta di strumentalmente di piegare risultati scientifici a tesi teologiche. Il presente volume vorrebbe invece fondare il dialogo tra sapere scientifico e discorso teologico a partire da una comune eredità. All’interno delle idee della scienza (in particolare nella più fondamentale delle scienze, cioè la fisica) e di quelle con cui l’uomo dice e pensa Dio (in particolare il Dio cristiano) esistono strutture di pensiero che sono comuni ad entrambe le esperienze. Esse sono talmente radicate in profondità che suggeriscono un’ipotesi a prima vista sorprendente: la scienza è un’eresia cristiana, l’ultima grande eresia cristiana. Il testo prende in esame alcune categorie di pensiero comuni allo sviluppo della scienza e della teologia cristiana e propone delle nuove sfide per la teologia attuale a partire dagli ultimi paradigmi della scienza moderna, che potrebbero trovare spazio all’interno di una teologia che voglia confrontarsi fino in fondo con i risultati della scienza contemporanea.

Eventi e News

> torna su

Commenti

> torna su
Login o registrati per inviare commenti
0

Emanuele Ciancio

> torna su
 

Caratteristiche

Anno: 2016
Numero pagine: 160
ISBN: 978-88-382-4383-7
Questo articolo è disponibile

Novità