€20.00 -5%
Quantità
€19.00Aggiungi al carrello

Dall'ottocento alla "dopostoria"

È possibile scrivere di storia sui giornali? Ed è possibile scriverne in modo non effimero, cercando di ragionare semplicemente, ma correttamente, su questioni difficili, esplorando i lati più nascosti di personalità già molto note, presentando episodi rivelatori o documenti poco o punto conosciuti? Questo il tentativo compiuto per molti anni da Roberto Pertici in decine di piccoli saggi, di cui questo libro presenta una scelta. L’autore si è inserito consapevolmente nella tradizione novecentesca di quegli storici accademici che hanno voluto collaborare ai grandi quotidiani nazionali, cercando in tal modo di raggiungere un pubblico diverso da quello a loro consueto. Non come commentatori politici o analisti di costume (anche se qualcuno è riuscito a svolgere egregiamente anche questi ruoli, anzi è stato perfino direttore di un quotidiano, come Luigi Salvatorelli e Giovanni Spadolini), ma proprio come “storici”: ritenendo importante discorrere variamente di storia anche in un foglio su cui l’attenzione del lettore durava inevitabilmente lo spazio di un mattino.
È da questo modello di azione intellettuale che nasce anche questo volume, che si pone alla ricerca di un pubblico non di iniziati, ma di lettori curiosi e al tempo stesso pensosi del nostro passato.

Se vuoi acquistare la spedizione con Corriere: AGGIUNGI IL PRODOTTO AL CARRELLO E CLICCA QUI

 

Eventi e News

> torna su

Commenti

> torna su
Login o registrati per inviare commenti
0

Roberto Pertici

> torna su

studioso della politica e della cultura dell’Italia otto-novecentesca, è professore ordinario di Storia contemporanea all’Università di Bergamo.

Caratteristiche

Anno: 2021
Numero pagine: 224
ISBN: 978-88-382-5110-8
Questo articolo è disponibile