€13.00 -5%
Quantità
€12.35Aggiungi al carrello

Il bizzarro e la maturità

 

Si parla molto oggi di deriva della poesia contemporanea. Caduta ogni sapienza tecnica, metrica e retorica, usurato il linguaggio poetico dopo la crisi novecentesca, la poesia sembra uscita da sé stessa come confermerebbero le formule più ricorrenti: post-poesia, poesia di ricerca, poesia in prosa, prosa in prosa. Niente di tutto questo nei versi di Simone Bocchetta. Non c’è in lui alcuna destrutturazione della forma che dunque non viene sostituita dalla misura prosastica né da giocose soluzioni eredi della poesia visiva o della neoavanguardia. Tutto è tenuto insieme da una profonda coerenza testuale che non è limite né chiusura, ma un ampio perimetro dove tentare tutti i registri. Frammenti che si incastrano a produrre senso e ritmo e a volte si deformano fino a lambire le zone della parodia e del ghiribizzo. Infrazioni linguistiche, scatti inventivi che restituiscono emozioni e immagini, una forza creativa che nel polisenso trova la possibilità di superare la razionalità grammaticale e logica in un effetto sorpresa mai convenzionale. (dalla prefazione di Francesca Romana de’ Angelis)

 

 

Eventi e News

> torna su

Recensioni

Commenti

> torna su
Login o registrati per inviare commenti
0

Simone Bocchetta

> torna su

responsabile editoriale del Gruppo Studium, è autore, presso Marcianum Press, dei libri di poesie Pronomi personali. Poesie 1997-2017 (2017) e L’emmesimo libro di poesie d’amore (Prefazione di Fabio Pierangeli, 2019). Ha curato, per la sezione “per altri versi”, il libro di Giovanni Boine Frantumi (Prefazione di Roberto Mosena, 2022).

Caratteristiche

Anno: 2024
Numero pagine: 128
ISBN: 978-88-382-5296-9
Questo articolo è disponibile